Archivi autore: Corrado Degl'Incerti Tocci

3 consigli per studenti-atleti che faticano con i voti e vita personale

Hai presente quelle mattine quando ti svegli e il tuo corpo e’ ancora indolenzito dall’allenamento del giorno prima, devi prepararti in 5minuti perche’ sei in ritardo a lezione dopo aver rimandato la sveglia per ben 3 volte? Mo’di zombie lasci camera tua per affrontare un giorno pieno di lezioni e subito dopo allenamento. Prima di realizzare che sono gia’ le otto di sera, e tempo che fai ritorno in camera sono le 10!?

Questo e’ il giorno tipico per la maggiorparte degli studenti-atleti nei college americani. A prescindere dalla lega della tua scuola, gli studenti-atleti sono dei super-eroi. Sono rinomati per essere dei maghi nel time-management, e per mostrare un sorriso anche quando dentro sono esausti. Provare per credere.

Per questo motivo e’ facile per uno studente-atleta dimunuire le performance accademiche o diventare isolato nella sua vita privata. In ogni caso, visto che gli atleti giocano un ruolo fondamentale nell’orgoglio delle universita’, gli atleti vengono chiamati a eccellere anche tra i banchi.

Per poter mantenere la concetrazione dentro e fuori dal campo, ecco alcuni consigli che tutti gli studenti-atleti possono applicare alla propria vita personale, per miglirare in tutti gli aspetti, dallo studio, allo sport, ed infine alle proprie relazioni personali.

 

1. Routine, routine, e ancora routine

Uno studente-atleta ha un’agenda giornaliera e settimanale ben definita. Con una lista dei “da fare” ti aiuta a tenerti organizzato e d’altra parte tutti sappiamo quanta gioia e soddisfazione ci sia nel tirare una riga sopra un compito che abbiamo portato a termine. Un altro strumento utile puo’ essere una lista della priorita’, mettendo le cose meno importanti alla fine in modo da ricordarci che se anche non riuscissimo ad arrivarci, non sarebbe la fine del mondo. Quando gli impegni si fanno troppi, e’ facile dimenticarsene. Per questo tutti i nuovi calendari virtuali sono uno strumento molto utile, anche se io sono della vecchia scuola: carta e penna sul calendario a quadrettoni appeso alla parete.

2. Comunica con gli allenatori

Spesso gli studenti-atleti, hanno paura a comunicare con i propri allenatori. Non avere paura del tuo allenatore. In molti casi, a loro volta sono stati nei tuoi panni e sanno esattamente i sacrifici necessari per rimanere al top. L’allenatore, come te, ha lo scopo ultimo di vincere la prossima gara, tanto quanto di sviluppare piu ottimi giocatori possibili. Qualsiasi sia il problema, scuola, voti, professori, o anche vita personale, non avere paura a condividere queste preoccupazioni. Cerca di usare il tuo allenatore anche per cose che vanno al di la’ dell’aspetto prettamente sportivo.

3. Meal time­ is friends time (la rima non si traduce)

Durante la stagione e’ difficile fare nuove amicizie a parte i tuoi compagni di squadra. Se i tuoi coinquilini non sono studenti-atleti, e per questo ti trovi a non riuscire mai a vederli, la soluzione sta nel creare tempo durante i pasti per dedicarsi alle amicizie. Ogni studente-atleta dovrebbe mangiare almeno 3 pasti al giorno, quindi perche’ non massimizzare questi momenti per socializzare con i tuoi amici? Questo ultimo consiglio ti aiutera’ a migliorare le tue abitudini alimentari, ma anche a tenerti aggiornato di cose al di fuori del tuo sport.

4 Things You Want to Know About College Dorms

Do you think about questions like: What if I can’t stand my roommate? How will we deal with dormroom hookups? What’s it like to shower in co-ed bathrooms? These are some of the many questions you’ll be faced with as you move out from your parents into a hall packed with hundreds of other freshmen with little to no experience living away from home. How can you make sure you get along with your new neighbors?

1. Freedom is the key

Your roommate isn’t going anywhere. Don’t feel like you have to blow off other people to hang out with your roommate and ensure that you have an extremely close relationship. At the end of the day, you’ll be coming back to the same tiny space, so you may welcome any chance of escape. Similarly, don’t be offended if your roommate has other friends; just because you live together doesn’t mean you have to act like a married couple.

2. Don’t fear the co-ed bathrooms

One of the things I was most anxious about when considering college dorm life was the seemingly inevitable co-ed bathrooms. Though it may seem strange and awkward to share bathrooms with many other adolescent youths, the unease and embarrassment definitely does not last long. And knowing that everyone else is on the same boat with you, makes it a lot easier to deal with.

3.  Think outside the boxes

One thing that I wish I knew before I came to college that I know now is how many boxes and storage containers I would need. Freshman dorms in general are tiny and students need to do what they can in order to maximize the small amount of space that they have. This means bringing a lot of boxes to store things under the bed is crucial! Parents always think that this is a great idea but now they are actually right!

4. Give dorms a chance

The dorm experience is a must-have. If you have considered skipping out on dorm life, DO NOT DO IT. This is an essential part of your growth as a student. It’s also the best way to meet new people. You might have a psycho for a roommate, but you might also meet your lifelong best friend. I only did one semester in the dorms and I really regret that. I’m not saying spend all four years there, but give it a shot for a year.

 

John Isner reflects on college years: ”If I hadn’t played for four years at Georgia, I don’t think I would be where I was now”

James Blake isn’t the only younger player who is making a strong case for going to college before going to the pros. Two of his former opponents are making waves on the pro circuit as well: Georgia’s John Isner and Illinois’ Kevin Anderson. Isner, who was named the 2007 Farnsworth/ITA National Senior Player of the Year, finished his senior year ranked No. 2 in the nation. Before leaving his Bulldog teammates, Isner helped lead them to a perfect 32-0 season, and two national team titles. Isner also racked up one national singles title, three national doubles titles, and was named an ITA All-American four times in his career at UGA. Since turning pro in June of 2007, he has climbed all the way to the top 10 ATP!

Isner opens up about his choice of going to college:

“For me, to tell you the truth, I never even thought about going pro [after high school],” Isner said. “If I didn’t go to college, I really don’t even know if I would be playing tennis now. A lot of players leave high school and go straight to the pros, and they don’t make it and don’t have success, so they burn out after two or three years. For sure, if I hadn’t played for four years at Georgia, I don’t think I would be where I was now.”

Isner also drew on his time at Georgia to help him prepare for the biggest matches of his career. While he admitted that winning a lot of matches in college gave him confidence to take on the toughest professional players in the world, Isner recalled that it was the pressure-packed situations that helped him keep his cool on Center Court.

“Playing at Georgia, we’ve always played in front of huge crowds, especially in May,” Isner said. “There was a lot of pressure on us as a team to play well because we were expected to win. Obviously playing Andy [Roddick] in an ATP final, there’s a lot of pressure, but I don’t think it compares at all to playing in NCAA’s at Georgia, with five or six thousand people watching you play. Every match was pressure packed, and I was able to stay calm and play my game. Playing at Georgia helped out because that was playing for the team, and that’s a lot more pressure to succeed: you don’t want to let your team down.”

While at Georgia, Isner underwent a lot of physical changes as well. The 6’9” right-hander admits that his time as a Bulldog helped him become the physical force we see on the court today, as he put on over 40 lbs.

“[College] was the best preparation I could have ever asked for,” Isner said. “In those four years, I had unbelievable coaching with Coach Diaz. I learned so much mentally, and I got so much stronger physically. Coming out of high school I was tall, skinny, and gangly, not strong and not mature. I was none of that. I had to go to college and get stronger. I had to start growing out instead of up.”

This trend doesn’t look to be stopping any time soon: while Blake, Isner and Anderson all made it to the top 10 ATP. Their incredible journey indicates the wave of success from college to the pros.

 

 

“Non scambierei quegli anni per nient’altro, nemmeno per piu’ vittorie nei tour”

I personaggi cambiano, ma la storia rimane la stessa: un giovane promettente prende in mano una racchetta e si innamora. La famiglia fa sacrifici cercando di accompagnare il ragazzo durante tornei, vittorie e sconfitte finche’ arrivano in un clima piu caldo dove c’e’ la possibilita di giocare tutto l’anno e svilupparsi come giocatori. Quando il tennis e’ il tuo unico pensiero e’ ancora piu facile incoraggiare il sogno del professionismo. E cosi’ facendo, questi giovani adulti si dimenticano degli studi e fanno la scelta di diventare professionisti. La triste realta’ e’ che pero questi giocatori raramente sono quelli che fanno la differenza nei tornei professionistici. La pressione sui giovani atleti continua ad aumentare e molti giocatori pensano che l’unica via per il professionismo sia quella diretta, investendo tutto su quello dopo o durante le superiori. Di fianco a questa tendenza pero’, sta crescendo una nuova ideologia di giocatore che fa uno stop durante la via: il college. Infatti, sempre piu giovani talenti sono passati dal college per perfezionarsi tecnicamente, fisicamente e mentalmente per ottenere quei risultati che altrimenti non si sa’ se avrebbero ottenuto.

Il piu’ famoso tra tutti questi e’ nient’altro che James Blake. Quando aveva 19 anni Blake ha frequentato Harvard prima di passare a tornei professionistici. Ad Harvard e’ stato il primo primino premiato come All-America freshman e ITA National Player of the year. Da quegli anni, Blake sta lavorando per migliorarsi, arrivando a toccare il #4 ATP. Allo stesso tempo Blake ha scritto il best-seller della sua autobiografia dove ringrazia infinitamente Harvard per avergli permesso di rafforzare gli aspetti tecnici, tattici e mentali che gli sono poi serviti durante la sua carriera da professionista.

“Se dovessi rifarlo da capo, sicuramente rifarei l’esperienza ad Harvard” dice Blake, “Ho imparato cosi tanto durante lezioni e al di fuori che quell’esperienza rimarra’ sempre inestimabile. Sono cresciuto come persona in quegli anni che alcune volte mi sembra essere una parentesi indipendente della mia vita. Sicuramente non scambierei quegli anni per nient’altro, nemmeno per piu’ successo nei tour.”

Crea un video con i tuoi highlights!

Se ti stai chiedendo come fanno gli allenatori dei college americani a valutare le tue potenzialita ancora prima di conoscerti di persona, la risposta e’ molto semplice: con VIDEO.

Quando stai decidendo sul fare la scelta di diventare uno student-atleta in USA, la prima cosa da fare e’ mettere insieme in po’ di materiale video. La buona notizia e’ che non devi perdere ore nel modificare I tuoi video visto che agli allenatori non interessa avere un filmato mo’ di Sky camera. Quello che davvero vogliono vedere sei tu in azione in diverse fasi della competizione o anche allenamento. Piu video di partite/competizioni e meglio sara’ per l’allenatore nel capire il livello a cui stai partecipando e decider se sarai in grado di confrontarti con altri studenti-atleti da tutto il mondo.

Gli allenatori non stanno cercando un film di un’ora per capire come giochi, quindi metti insieme una collezione di highlights per un totale di 5-8minuti. Fidati anche il piu interessato degli allenatori non ha il tempo materiale di guardare un filmato piu lungo. Il trucco e’ quello di catturare la loro attenzione fin dai primi secondi, quindi METTI LE MIGLIORI AZIONI ALLINIZIO del tuo collage.

Per ulteriori domande, dubbi e chiarificazioni, non esitare a contattarci! Il team di StAR e’ qua per aiutarti

Petra Jurova

BUONA NOTIZIA o CATTIVA NOTIZIA per primo?

Da usanza, partiamo con la cattiva notizia:

  • gli studenti-atleti hanno giornate super-impregnate. Anche se per molti di noi, questa non e’ una novita’, nei college americani, gli atleti sono davvero richiesti a perfezionare la loro capacita di gestirsi il tempo. Secondo uno studio del Athletic Insight, gli studenti-atleti sono piu soggetti a soffrire di stress causato da molti fattori, quali le tante responsabilita’ ed il mancato riposo.

Ma questa e’ la grossa buona notizia:

  • gli atleti del college saranno pagati. Molti studenti-atleti hanno espresso la loro opinione riguardo all’imminente possibilita’ di ricevere un compenso monetario per il duro lavoro messo sul campo. Per questa e tante altre possibilita’ assicurati di essere a bordo con StAR il prima possibile.

 

-Petra Jurova

3 FATTI INTERESSANTI dell’ESSERE uno STUDENTE-ATLETA

1. E’ possibile trovare piu’ scholarship in Division II and Division III

Molti dei college in Division II e Division III sono privati e di dimensioni ridotte rispetto ai college pubblici di Division I. Per questo motivo, spesso queste due leghe inferiori offrono migliori riconoscimenti monetari per i propri stuenti e atleti. Anche se, secondo US News & World Report, alcune delle universita in Div III non possono elargire nessuna forma di scholarship sportiva, la realta’ dice che tante delle migliori occasioni si presentano proprio qua.

 

2. NCAA ha specifiche performance accademiche

Ci sono molti requisiti da seguire se vuoi fare sport in una squadra di in college. Solamente essere un buon atleta/giocatore molte volte non basta per accedere alla squadra. Infatti, devi prestare molta attenzione alla parte accademica perche’ gioca una parte fondamentale per essere accettato in un college. Per essere sicuro che sei in regola con i requisiti necessari StAR – Student Athletes Recruitment e’ qua per aiutarti con ogni passo di questa avventura.

3. Gli allenatori alcune volte non seguono i limiti di orario

Sfortunamente, gli allenatori sono ristretti nel dovere seguire un preciso ammontare di ore per allenamenti e partite. Uno studio diretto dall’ente NCAA riporta che spesso gli allenatori non riescono a seguire le guide date ed il limite legale di 20ore a settimana. Piu tempo sul campo, meno tempo sui libri, sottraendo tempo prezioso allo studio. E come discusso precedentemente prima, senza una certa media, uno student-atleta non puo partecipare a nessuna competizione ne allenamento. Per questo, preparati a schiacciare sull’acceleratore per avere successo in college.

 

Petra Jurova

Scegliere un College da Studente-Atleta non e’ solo basato sullo sport

Trovare un college dove giocare potrebbe sembrare l’unica cosa che conta quando uno studente-atleta decide di volere provare l’esperienza oltre-oceano. In realta’, visto che dovrai decider un programma di studi, e’ importante dare un’occhiata anche ai corsi accademici offerti da una certa universita’ per scegliere un’esperienza che ti calzi a pennello.

MANTENERE UNA BUONA MEDIA E’ FONDAMENTALE

Una volta che il tuo sogno si e’ avverato e sei parte di una squadra di un college Americano, eccellere nello sport talvolta puo’ non essere sufficiente. Infatti, tutti gli studenti-atleti sono richiesti di mantenere una certa media scolastica per rimanere in grado di competere. In caso contrario, soprattutto per chi riceve una scholarship, potrebbe rischiare di perderla.

SCEGLIERE IL COLLEGE GIUSTO E’ IMPORTANTE

Quando stai decidendo dove spendere I prossimi 4 anni della tua vita, scegli in modo saggio Basati su quanto conosci di te stesso per trovare la giusta soluzione a questa magnifica esperienza e cominciare a costruire la migliore versione di te stesso come essere umano, studente, e atleta.

 

Petra Jurova

Daniele e il suo primo giorno

Riproponiamo sul nostro blog un pezzo uscito in origine sul blog di Daniele, che si può leggere qui.

8 agosto 2016, il giorno è arrivato. Mi dirigo a Milano Malpensa con i miei genitori: da qui partirà il mio primo volo intercontinentale (cavolo se suona bene!), ma soprattutto da qui inizierà la mia nuova vita.

Milano-Monaco-Charlotte, questo l’itinerario. Congedo la mia famiglia e sono pronto a lasciare il Paese, consapevole che d’ora in avanti sarà tutto nelle mie mani: o fallisco, e prendo una bella botta, o ce la faccio, e mi riempio di fiducia.
Sbamfreshman_retreat__50! In un batti baleno sono a destinazione. Metto piede sul suolo americano e un po’ ripenso a tutte le volte in cui mi son giurato di andare negli States. Ma non ci faccio molto caso, sono troppo impegnato a costruirmi in testa le frasi per farmi capire. Eh sì, perché all’inizio credi di sapere l’inglese, ma quando ascolti la tua voce pronunciare quelle strane parole di fronte a qualcuno che non sia il tuo insegnante, il gioco cambia. E se poi, come nel mio caso, la prima persona a cui ti devi rivolgere è un agente delle forze dell’ordine col compito di accettare o rifiutare il tuo visto e il tuo passaporto, ecco che i famosi sette o otto anni di inglese a scuola sembrano vanificarsi nel nulla. Foto, impronte digitali, documenti, e una serie infinita di domande: passo il test – I am free to go. Ritiro la valigia e cerco la strada per l’uscita. Percorro alcuni e corridoi e, alla fine, giro l’ultimo angolo; lì, ad aspettarmi come programmato, c’è il mio coach. “How you doing, Danny? Nice to meet you!”, le sue prime parole.

Ritiriamo la macchina al parcheggio e ci dirigiamo verso Salisbury, città che ospita Catawba College. Sto morendo di fame, e il jet lag sicuramente non mi sta dando una mano. Ci fermiamo, allora, sulla strada, e la necessità di cibo mi spinge a fare qualcosa che poi mi prometterò limitare al minimo: panino spazzatura al primo fast food e via di nuovo in viaggio. Una volta arrivati al campus, andiamo dritti al luogo più interessante, il campo da calcio. Mi approcciano subito quattro o cinque ragazzi, che successivamente chiamerò “boys” perché compagni di squadra. Mettiamo simg-20170203-wa0008u un torellino e sbombiamo un po’ al portiere, il tutto in completa serenità, dato che il primo allenamento sarebbe stato il giorno seguente.
Passiamo un paio di orette a conoscerci e a prenderci già in giro finché, completamente buio, decidiamo di smettere e fare due chiacchere. Ho l’impressione di sentire parlare cinque lingue diverse… brutta storia gli accenti quando sei alle prime armi! America, Australia, Inghilterra, Germania, Islanda, ce n’è per tutti i tipi, e io non posso fare altro che chiedere di ripetere infinite volte. Scene alquanto esilaranti nasceranno successivamente a causa della mia inesperienza con la lingua. Ma come direbbe il buon Buffa, “questa è un’altra storia.”